Questioni di Kar-Marchio

Cattura di schermata (36)

Il brand è nulla senza l’umanità di chi lo vende e di chi lo compra… ma Mike Jeffries, l’uomo a capo di Abercrombie&Fitch, questo non lo ha capito.

La marca non è mai stato un qualcosa di imposto, ma la cristallizzazione di una verità universale che connette uomini, consumi e valori. È vero, non c’è immagine senza identità, ma questi sono anni pericolosi per rischiare di rendersi così antipatici nell’affermare il proprio posizionamento. È per questo che lo scrittore di Los Angeles Greg Karber, infastidito dalle opinioni di Jeffries e dal fatto che i capi fallati vengano bruciati piuttosto che dati in beneficenza, ha dato vita al progetto #FitchTheHomeless per recuperare abiti Abercrombie, ‘erroneamente’ comprati, per regalarli ai meno fortunati e condividere lo sforzo sui social.

Un’operazione di karma rebranding&hacking: ‘insieme possiamo ridisegnare il brand’, promette lo slogan che accompagna il video.

(source & video)

LOL Rap: chiunque può

lolrap_9106

Se l’industria musicale è stata la prima a subire l’influsso della Rete, l’avvento di YouTube ha significato l’annullamento definitivo di  qualunque barriera distributiva. Improvvisamente è stato possibile registrare una canzone in casa e renderla disponibile in modo facile, veloce e sicuro al mondo intero. Tra i vari generi musicali sconvolti da questo salto il Rap è stato quello che più ne ha subito gli effetti. Probabilmente, perchè è quello apparentemente più facile da eseguire: non serve saper suonare nessuno strumento, basta scaricare una base e iniziare a parlarci sopra.

Ecco allora nascere una sorta di sottogenere: il LOL Rap, di cui Trucebadazzi è certamente il re indiscusso.

(source&webdoc)