A Steven Spielberg piace posare vicino alle cose morte

La bufera su Steven Spielberg, colpevole di aver ‘ucciso’ un triceratopo a causa dell’a fotgrafia postata su Facebook da Jay Branscomb (che sembra essere famoso per i suoi scherzi sul web), si è trasformata in un tormentone del web con conseguenti meme a non finire… come quelli pubblicati sulla pagina FB Steven Spielberg near dead things.

Uno spasso…

Photo

Photo

Photo

 

Honest Slogans

logo ikea

Clif Dickens, divertente e divertito graphic designer, ha sviluppato il progetto Honest Slogans con l’obiettivo di mettere in  luce, con molta ironia, gli aspetti meno nobili di alcuni global brand, rimpiazzando gli slogan originali con altri molto semplici ma forse più onesti.

victoria's secret

lay's

activia

maybelline

wikipedia

bic

lego

monopoly

google

mcdonald's

via

Happy B-day Feisbuc

4 febbraio 2004, dieci anni fa nasceva Facebook, il social network più diffuso e popolare del nostro Paese compie dieci anni. Il mondo dei social media non è stato più lo stesso.. e anche noi ci sentiamo parte della rivoluzione mediatica che è riuscito a scatenare.

Quindi tanti auguri Feisbuc.

100 di questi giorni…

iSwap: il baratto hi-tech

dropis

Il 20 aprile torna nella capitale l’appuntamento con lo Swap Party, l’evento dedicato allo scambio di smart device di valore di cui Wired.it è media partner. L’evento è organizzato dalla start-up romana  Dropis, che ha ideato un sistema di pagamento per il baratto asincrono, attraverso il quale è possibile acquistare degli oggetti senza usare nemmeno un euro.

L’appuntamento è al The Hub a Roma in via dello Scalo San Lorenzo 67, ore 18.00.

Anche il social gaming è in crisi

farmville-fuck-this-game

Se EA (Electronic Arts) ha deciso di chiudere tre dei suoi giochi su Facebook,  il settore dei videogiochi fruibili su piattaforme di social networking deve essere decisamente in discesa. Le cause? Beh… secondo Wired, i social game non sono più virali come una volta (dove una volta vuol dire 3 anni fa), ce ne sono troppi, sono diventati costosi, non rendono poi così tanto e sono ancora troppo legati a Facebook…da cui, peraltro, sembrerebbe che i giovani si stiano allontanando lentamente.