Le selfie ai funerali

tumblr_mvewl8mvpa1smbgw2o1_500

L’ultimo inaspettato (?) filone figlio dei social network sono le “selfie” (fotografie scattate a sè stessi, un po’ quelli che una volta chiamavamo “autoscatti”) immortalate durante i funerali e pubblicate su Instagram. Se pensate sia una cosa impossibile sappiate che ci hanno aperto un blog, che trovate qui, e che è pieno di foto.

(via)

tumblr_mvewi34Uty1smbgw2o1_500

ku-xlargetumblr_mvewnrD6Zz1smbgw2o1_500

La Guerra dei Social continua…

La risposta di Zuckenberg a Vine? Instagram può ora registrare video.

Ma le differenze fra queste due piattaforme ci sono… e si fanno notare. Partiamo dalla durata: i 6 secondi di Vine sono stati più che raddoppiati da Instagram, che porta la durata del video a 15 secondi. Inoltre, una volta che si registra un video con Vine, non si può tornare indietro. Instagram da invece la possibilità di cancellare i frame selezionati e registrare nuovamente una parte del video. Dopodichè, entra in gioco la caratteristica che ha reso Instagram la killer app che è oggi: sono stati realizzati 13 nuovi filtri appositamente per i video. Quanto allo sharing, mentre Instagram resta un mondo chiuso (è possibile visualizzare i video solo nella App o nella versione desktop) Vine permette lo share anche su un sito web tradizionale. In merito alla Timeline c’è da dire che a differenza di Vine, Instagram non permette ancora di scegliere di visualizzare solamente i video e non le foto.

A voi la scelta….

Ma in fondo… perché scegliere?

Scaricatele entrambe!

(via)