‘Lo Spirito del Tempo’ secondo Big G

Anche quest’anno Google Zeitgeist ha rilasciato l’elenco delle 10 keywords più digitate dell’anno.

Di seguito il video che le riassume:

Google Trends

Tendenza Top Trending 2013

Globale

1.Nelson Mandela

2.Paul Walker

3.iPhone 5s

4.Cory Monteith

5.Harlem Shake

6.Boston Marathon

7.Royal Baby

8.Samsung Galaxy S4

9.PlayStation 4

10.North Korea

Google earth per Hobbit

Lo Hobbit: la desolazione di Smaug

Mancano pochi giorni all’uscita del nuovo capitolo di Lo Hobbit, la trilogia nata dal successo de Il Signore degli Anelli, il blockbuster scritto da Tolkien ma diretto da Peter Jackson, intitolato La Desolazione di Smaug. Anche Google ha voluto celebrare l’uscita del nuovo episodio con un progetto ideato appositamente per Chome: Viaggio nella Terra di Mezzo… Praticamente Google earth riadattato all’universo fantastico della Terra di Mezzo. La mappa è interattiva e racchiude momenti di approfondimento e gioco legati al Movie.

Check it out!

Happy B-day Google!

Cattura di schermata (139)Il doodle di Big G di oggi festeggia i 15 anni della sua fondazione. Al posto del classico logo, nella pagina principale del motore di ricerca c’è un disegno con un piccolo videogioco: premendo sul tasto “Play” sulla torta del quindicesimo compleanno, si avvia un mini gioco della pentolaccia (o pignatta): lo scopo è aiutare la seconda “g” del doodle di Google a rompere una stella per fare cadere le caramelle che contiene, più i colpi sono precisi (si usa la barra spaziatrice per darli) più punti si guadagnano.

Intenso, profondo, divertente. Lo spot Canon vince l’Emmy 2013

Lo spot vincitore ritrae una serie di fotografi in alcune situazioni imbarazzanti e pericolose… tutti uniti dalla passione per la fotografia e disposti a tutto per catturare lo “scatto perfetto”. L’headline “Long live imagination” compare dopo la rappresentazione delle ridicole situazioni seguita poi dagli scatti spettacolari frutto della passione e della follia di questi intrepidi fotografi (o aspiranti tali). Il tutto condito dalla regia spettacolare di Nicolai Fuglsig e dall’affascinante versione di Rachel Fannan della canzone Beautiful Dreamer.

Gli altri spot candidati all’Emmy di quest’anno erano: lo spot Nike “Jogger” dell’agenzia Wieden + Kennedy, lo spot “Jess Time” per Google Chrome di BBH + Google Creative Lab e lo spettacolare spot vintage “The Chase” per la mostarda Grey Poupon’s dell’agenzia Crispin Porter + Bogusky .

Google ha fatto lo Street View delle Galapagos

Google Street View, il celebre servizio integrato in Google Maps che permette di muoversi in prima persona in un luogo desiderato, sbarca alle isole Galapagos. Per festeggiare il 178esimo anniversario dell’esplorazione delle isole da parte di Charles Darwin, alcuni dipendenti di Mountain View armati di zaino-trekker hanno mappato le isole e i fondali (!) dell’arcipelago sudamericano.

La nuova versione di Android ha il nome (quello vero) di uno snack

android_kitkat-620x327

android-kitkat

Android-Kitkat-394x620

Google ha optato per una partnership col colosso dolciario Nestlè per il lancio della nuova versione di Android, il sistema open-source giunto all’edizione 4.4. Si chiamerà Android KitKat e la notizia ha già fatto il giro del mondo a suon di crunch. Big-G non è nuovo a trovate di questo tipo: le versioni precedenti, nei loro nomi in codice, si rifacevano spesso a nomi di snack di varia natura, da Jelly Bean passando per Frojo, Ice Cream Sandwich, Cupcake e Gingerbread.  Questa volta però ha deciso di vendere il nome (tenuto segreto sino al lancio della campagna al World Mobile Congress 2013 tenutosi a Barcellona) associandolo ad uno specifico prodotto con tanto di iniziativa promozionale che invita gli utenti a comprare barrette al cioccolato al fine di vincere un tablet Nexus 7. Le barrette al cioccolato di casa Nestlè sono un prodotto dalla connotazione netta e riconosciuta in tutto il mondo da più di ottant’anni. Uno snack di successo assoluto sempre giovane, che si adatta perfettamente al carattere aperto ed innovativo di Android, un traino di assoluto valore. Ma non manca chi ritiene sia dietro l’angolo il rischio di veder dominato Android in termini di riconoscibilità e legare il sistema operativo ad una serie di variabili e fail incontrollabili da parte di Google legandosi a qualcosa che non è in grado di controllare in toto.

via