A Steven Spielberg piace posare vicino alle cose morte

La bufera su Steven Spielberg, colpevole di aver ‘ucciso’ un triceratopo a causa dell’a fotgrafia postata su Facebook da Jay Branscomb (che sembra essere famoso per i suoi scherzi sul web), si è trasformata in un tormentone del web con conseguenti meme a non finire… come quelli pubblicati sulla pagina FB Steven Spielberg near dead things.

Uno spasso…

Photo

Photo

Photo

 

Annunci

Honest Slogans

logo ikea

Clif Dickens, divertente e divertito graphic designer, ha sviluppato il progetto Honest Slogans con l’obiettivo di mettere in  luce, con molta ironia, gli aspetti meno nobili di alcuni global brand, rimpiazzando gli slogan originali con altri molto semplici ma forse più onesti.

victoria's secret

lay's

activia

maybelline

wikipedia

bic

lego

monopoly

google

mcdonald's

via

Bambini vs Walkman

Il progetto Kids react, un format web tv dedicato all’infanzia ideato e diretto da The Fine Brothers, punta a simulare situazioni in cui il web ancora non esisteva con l’obiettivo di comprendere quali competenze abbiamo perso e quali abbiamo acquisito attraverso il supporto della tecnologia nella vita di tutti i giorni.

via

Spot costruiti… coi LEGO

Questa settimana il film Lego The Movie arriva in Europa e in Uk dove, questo venerdì andranno in onda, all’interno del programma Dancing on Ice, i 4 spot completamente realizzati con mattoncini Lego per promuovere il film Lego The Movie. I 4 inserzionisti coinvolti nel progetto  messo a punto da PHD per Warner Bros sono Premier Inn, BT, Confused.com e la British Heart Foundation.

Ma questa non è l’ultima delle idee di comunicazione che hanno i mattoncini per protagonisti: per l’occasione, infatti, la piattaforma Build with Chrome apre agli utenti Google+ in tutto il mondo. Inoltre film a parte, recentemente i mattoncini sono stati usati per interessanti iniziative come LEGO Blind Art Project e come activation per mascherare il restauro di un hotel.

Le potenzialità creative dei mattoncino sono state funzionali anche all’agenzia Serviceplan che per la riapertura del museo Lenbachhaus di Monaco ha ideato il LEGO Blind Art Project con l’obiettivo di introdurre al mondo dell’arte i bambini ciechi o con seri problemi alla vista.

L’International Beer Index

hours-beer2Roberto A. Ferdman e Ritchie King hanno avuto la divertente trovata di elaborare il Beer Index, la tavola di riferimento ordinata in base al numero di ore di lavoro necessarie a guadagnarsi una birra. La classifica deriva da un calcolo semplice basato su due fonti: Numbeo, un crowd-sourced database dei  prezzi delle merci di mondo (incluso quello di una birra alla spina nazionale), e la vasta library relativa ai minimi salariali mensili della International Labor Organization (ILO). Incrociando i dati i due hanno ottenuto un Beer Indicator. Alcuni salari minimi sono tarati piuttosto favorevolmente rispetto ai prezzi della birra sul mercato interno, mentre altri fanno esattamente l’opposto.

Per esempio, per pagare per una pinta, in Puerto Rico, ci vogliono solo 12 minuti di lavoro, in Georgia… ben 15 ore!

(via)