Happy B-day Feisbuc

4 febbraio 2004, dieci anni fa nasceva Facebook, il social network più diffuso e popolare del nostro Paese compie dieci anni. Il mondo dei social media non è stato più lo stesso.. e anche noi ci sentiamo parte della rivoluzione mediatica che è riuscito a scatenare.

Quindi tanti auguri Feisbuc.

100 di questi giorni…

Annunci

Locandine rivisitate

I ragazzi di College Humor si sono chiesti: cosa succederebbe se i titoli dicessero la verità sui film?

La risposta hanno provato a darsela modificando le locandine dei alcuni dei film candidati agli Oscar 2014.

Ed ecco il risultato:

Her

Gravity

American Hustle

12 Anni Schiavo

The Wolf of Wall Street

Philomena

Nebraska

(via)

Forse Algida rifà il Winner Taco

WinnerTaco

Da qualche anno, per gioco o meno, è nata sulla pagina ufficiale Facebook di Algida una “campagna” spontanea per la reintroduzione sul mercato del Winner Taco, un gelato prodotto negli anni novanta e da una decina di anni non più presente nel catalogo dell’azienda. Forse ci siamo.

Immagine

 

Per un’analisi dell’impatto di questa “campagna” a livello di marketing, tra l’altro, esiste un interessante articolo di Ninja Marketing.

Narcisismo da social media

La sindrome da selfie ci sta rendendo patologicamente narcisisti, ovvero privi di sensibilità verso gli altri, bisognosi di ostentare la propria grandiosità e di essere adulati. Questa infografica spiega come si manifestano gli effetti legati all’uso smodatamente autoreferenziale dei diversi social media.

narcisismo_social_media

Le Proporzioni dell’Universo – by NASA

The Scale of the Universe – Interactive

La NASA ha pubblicato ieri questa versione moderna di Powers of Ten (1977), il video che da una coperta da picnic vicino a Chicago arriva fino all’agglomerato di Galassie della Vergine riducendo ogni dieci secondi  lo zoom per visualizzare un quadrato di un fattore dieci volte più grande su ogni lato. Questa ricostruzione interattiva è una nuova finestra per molte delle scale conosciute del nostro universo… e ci ricorda quanto siamo ‘irrilevanti’ di fronte l’infinito.