Polyfauna: la RadioheAPP

Non si può certo dire che la band di Thom Yorke sia nuova alle esplorazioni nel mondo del digitale, ma la realizzazione dell’app interattiva e totalmente gratuita (per iOS e Android) Polyfauna, realizzata con la collaborazione di menti creative che amano definirsi indipendenti nonostante il loro lavoro tocchi un numero di pubblico non certo di nicchia, ma piuttosto mainstream. L’applicazione si inserisce nel filone dell’arte digitale e non vuole affatto rappresentare il preludio di un nuovo album dei Radiohead: la colonna sonora di Polyfauna è limitata, infatti, al solo brano ‘Bloom’, ridotto all’osso (cioè a pochi loop ripetuti all’infinito), dell’album The King of Limbs del 2011. Anche l’ambiente dove si muove l’utente è spoglio, non a caso è definito Dead Air Space sul sito ufficiale della band, e si possono vedere solo montagne, alberi spogli e stilizzati, lune gigantesche e oggetti fluttuare come amebe in un liquido. Thom Yorke afferma nella presentazione dell’app che Polyfauna proviene dall’interesse per “le creature immaginarie del nostro subconscio”: in effetti l’esperienza è quella di un mondo alienante dove prendono vita con un touch forme di vita indefinite. E continua: “Your screen is the window into an evolving world. Move around to look around. You can follow the red dot. You can wear headphones.

Con Polyfauna, l’intervento di Stanley Donwood, l’artista schivo che esprime la sua cupa creatività attraverso la pittura, l’incisione e talvolta la scrittura che molti considerano il sesto membro onorario dei Radiohead, non è soltanto grafico ma concettuale: quest’app sembra essere l’incontro della sua arte digitale e dunque del suo pensiero, con le possibilità offerte dal mondo della applicazioni.

 

(via)

Annunci

Google earth per Hobbit

Lo Hobbit: la desolazione di Smaug

Mancano pochi giorni all’uscita del nuovo capitolo di Lo Hobbit, la trilogia nata dal successo de Il Signore degli Anelli, il blockbuster scritto da Tolkien ma diretto da Peter Jackson, intitolato La Desolazione di Smaug. Anche Google ha voluto celebrare l’uscita del nuovo episodio con un progetto ideato appositamente per Chome: Viaggio nella Terra di Mezzo… Praticamente Google earth riadattato all’universo fantastico della Terra di Mezzo. La mappa è interattiva e racchiude momenti di approfondimento e gioco legati al Movie.

Check it out!

La nuova versione di Android ha il nome (quello vero) di uno snack

android_kitkat-620x327

android-kitkat

Android-Kitkat-394x620

Google ha optato per una partnership col colosso dolciario Nestlè per il lancio della nuova versione di Android, il sistema open-source giunto all’edizione 4.4. Si chiamerà Android KitKat e la notizia ha già fatto il giro del mondo a suon di crunch. Big-G non è nuovo a trovate di questo tipo: le versioni precedenti, nei loro nomi in codice, si rifacevano spesso a nomi di snack di varia natura, da Jelly Bean passando per Frojo, Ice Cream Sandwich, Cupcake e Gingerbread.  Questa volta però ha deciso di vendere il nome (tenuto segreto sino al lancio della campagna al World Mobile Congress 2013 tenutosi a Barcellona) associandolo ad uno specifico prodotto con tanto di iniziativa promozionale che invita gli utenti a comprare barrette al cioccolato al fine di vincere un tablet Nexus 7. Le barrette al cioccolato di casa Nestlè sono un prodotto dalla connotazione netta e riconosciuta in tutto il mondo da più di ottant’anni. Uno snack di successo assoluto sempre giovane, che si adatta perfettamente al carattere aperto ed innovativo di Android, un traino di assoluto valore. Ma non manca chi ritiene sia dietro l’angolo il rischio di veder dominato Android in termini di riconoscibilità e legare il sistema operativo ad una serie di variabili e fail incontrollabili da parte di Google legandosi a qualcosa che non è in grado di controllare in toto.

via

Il blog, aggiornato ogni giorno, con le foto del ladro che le ha rubato il telefono

tumblr_mqpu9w4Vxb1s3lecdo1_500

Durante un bagno di mezzanotte, a una ragazza tedesca in vacanza a Ibiza viene rubato il cellulare. Il ladro però non si accorge che nel telefono è installata l’app di DropBox, che continua a sincronizzare sull’account della legittima proprietaria le foto che giorno dopo giorno il rapinatore, di nome Hafid, scatta. La ragazza allora, probabilmente scoraggiata dall’aver scoperto che il suo smartphone è finito a Dubai, decide di aprire un Tumblr, Life of a stranger who stole my phone, dove sta caricando tutte le foto che il ladro, quotidianamente, sta scattando.

Il Music Business torna al Vinile…. quello digitale

La più grande etichetta di musica dance del mondo, la tedesca Kontor Records, ha deciso di  escludere qualsiasi mezzo di promozione obsoleto come CD, DVD e e-mail  e mandarli definitivamente in pensione.

La Kontor Records, infatti, avendo bisogno di un modo innovativo per promuovere una nuova traccia di Boris Dlougosch ha preferito un’innovazione ‘retro-future’ e, con il supporto di  Ogilvy Deutschland, ha dato vita ad una campagna di marketing non convenzionale davvero cool.  Concentrandosi e tenendo l’attenzione su di un pubblico nostalgico e appassionato di musica e per attirare l’attenzione delle agenzie pubblicitarie, l’etichetta ha spedito ai potenziali ‘decision maker’ un vinile 33 giri.

L’LP fisico arriva in una busta che si ripiega in un giradischi 2D stampato con un codice QR. Per attivare la riproduzione musicale bisogna poggiare il vinile sull’alloggiamento del piatto rotante, attivare l’apposito codice QR con il proprio smartphone e posizionare il telefonino in modo che funga da testina di lettura. Mentre la sorgente della musica è tutta digitale, i controlli imitano quelli di un giradischi effettivo, dal design vintage ed elegante. IL risultato? Circa il 71% delle 900 agenzie pubblicitarie coinvolte nella campagna hanno ascoltato il vinile usando il QR Code. Inoltre, questo metodo consente di avere un riscontro più attendibile, poiché permette di tracciare i download del file, cosa che non è possibile fare con i CD  (e sapere se sono stati realmente ascoltati). Inoltre si pensi anche al concetto di sostenibilità e di come quel QR Code permetta una minore circolazione di supporti fisici come appunto il cd-rom.

Un’app, quindi,  capace di regalare l’emozione di poter fondere assieme il piacere di riscoprire la qualità audio del vecchio LP con le nuove tecnologie mobili. 

Alzati e gioca

 

s

Puzzle Alarm Clock è la sveglia intelligente ed interattiva che propone puzzle casuali (da risolvere per disattivare l’allarme) tali da necessitare  l’immediata attivazione del cervello. Livelli diversi di difficoltà e 5 tipi di puzzle (equazioni matematiche, giochi di memoria, indovinelli, etc.) daranno filo da torcere ai dormiglioni più accaniti. Per spegnere la sveglia, si potranno utilizzare i tag NFC e QR code. Non solo… Puzzle Alarm Clock controlla anche se ci si è veramente svegliati con delle domande a distanza di qualche minuto dallo spegnimento della sveglia.

 

Come sempre, l’app è free per dispositivi Android su Google Play (versione PRO al prezzo di € 1,59).