Arte e gravità

Sfidare la forza di gravità e le leggi della fisica camminando sulle pareti di una casa: questa l’ultima ‘opera’ dell’artista argentino Leandro Erlich. La sua Dalston House è una gigantesca illusione ottica creata utilizzando un’enorme parete di specchi che si riflette sulla stampa di una casa in stile vittoriano posta in orizzontale sul terreno. L’effetto è sensazionale: le persone che si trovano sulla stampa della casa guardandosi allo specchio hanno l’impressione che la stiano scalando o che stiano camminando sulla facciata dell’edificio.

 

(source)

Is this the world’s best bench?

Premiato al Cannes Lions 2013 nella categoria P.R., questo ambiente esperienziale raggiunge il suo scopo: far provare l’esperienza di un volo Virgin, con hostess premurose, buon cibo, film e videogiochi. Si tratta dell’‘Upper Class Park Bench‘ collocata nel parco nei pressi del Flatiron Building a New York da Young & Rubicam per una campagna esperienziale ideata per Virgin. Coloro che hanno avuto la fortuna di sedersi su questa panchina sono stati deliziati da un quartetto d’archi, sono stati serviti di champagne e haute cuisine da impeccabili assistenti di volo, hanno assistito ad uno spettacolo dal vivo, che comprendeva anche un nobile destriero, e ad un flash-mob.

via

Alzati e gioca

 

s

Puzzle Alarm Clock è la sveglia intelligente ed interattiva che propone puzzle casuali (da risolvere per disattivare l’allarme) tali da necessitare  l’immediata attivazione del cervello. Livelli diversi di difficoltà e 5 tipi di puzzle (equazioni matematiche, giochi di memoria, indovinelli, etc.) daranno filo da torcere ai dormiglioni più accaniti. Per spegnere la sveglia, si potranno utilizzare i tag NFC e QR code. Non solo… Puzzle Alarm Clock controlla anche se ci si è veramente svegliati con delle domande a distanza di qualche minuto dallo spegnimento della sveglia.

 

Come sempre, l’app è free per dispositivi Android su Google Play (versione PRO al prezzo di € 1,59).

Da di-sogno a realtà

sDue studenti della Kingston University che credono fermamente che l’immaginazione dei bambini sia insuperabile e possa diventare l’origine di manufatti altrettanto creativi.
Jack Beveridge e Joshua Lago, infatti, durante una lezione d’arte tenuta a una classe di bambini di sette e otto anni hanno chiesto semplicemente: ‘Disegna una sedia’. I bambini hanno disegnato la sedia dei loro sogni. Come prevedibile, il risultato si è avvicinato più alla fantasia che alla realtà, eppure ciò è stato tutt’altro che un ostacolo per i due studenti, che hanno deciso di usare i disegni come bozzetti per la realizzazione di sedie vere.

Il progetto prende il nome di Children’s furniture e ruota intorno all’idea di realizzare dei complementi d’arredo reali partendo dai disegni dei bambini, nel tentativo di esplorare la loro immaginazione e renderla palpabile.

disegna_una_sedia_-ecco_come_disegni_dei_bambini_diventano_realtà_3 disegna_una_sedia_-ecco_come_disegni_dei_bambini_diventano_realtà_4 disegna_una_sedia_-ecco_come_disegni_dei_bambini_diventano_realtà_5 disegna_una_sedia_-ecco_come_disegni_dei_bambini_diventano_realtà_8 disegna_una_sedia_-ecco_come_disegni_dei_bambini_diventano_realtà_9

Le telecamere di Utrecht a festa per il compleanno di Orwell

enhanced-buzz-2596-1372440496-16

Il 25 giugno scorso cadeva il 110° compleanno di George Orwell, giornalista e autore di alcune pietre miliari della letteratura mondiale, come La fattoria degli animali e 1984. Proprio a quest’ultimo romanzo (in cui i cittadini sono costantemente sorvegliati e tenuti sotto controllo dal Grande Fratello) si è ispirato il duo di street-artist olandese Front404 per festeggiare l’anniversario della nascita dello scrittore britannico:  molte telecamere a circuito chiuso del centro di Utrecht sono state decorate con dei cappellini da festa colorati.

(via)

Internet gratis su smartphone all’estero? Un’app ora te lo fa fare

Naviga-gratis-con-Crowdroaming-1

Il rognoso problema del roaming della rete dati dei nostri smartphone quando siamo all’estero (cioè l’accesso con la propria SIM a un network internazionale che, visti gli alti costi, rende di fatto inutilizzabile internet sul cellulare se non in aree “Free-Wi-Fi”) potrebbe diventare solo un lontano ricordo. E’ da pochi giorni disponibile su Google Play CrowdRoaming, l’app per telefoni Android che permetterà agli utenti di poter usufruire di una connessione dati anche al di fuori dei propri confini nazionali, e senza alcun costo aggiuntivo. Il funzionamento dell’applicazione, sostanzialmente, si basa sulla condivisione, da parte degli utenti, dei dati-mobili inutilizzati del proprio smartphone: questa connettività-dati verrà messa a disposizione degli utenti stranieri che avranno installato CrowdRoaming sul proprio telefono. Allo stesso modo, gli utenti che in patria avranno messo a disposizione parte della loro banda inutilizzata, potranno usufruire gratuitamente, una volta all’estero, del traffico dati di altri utenti.

(via)

Un’app che lascia il segno

Da quest’estate le scritte ricordo per lasciare un segno del proprio passaggio potranno essere virtuali grazie a LeaveOn, una nuova app che permette di tappezzare di messaggi i luoghi senza deturparli fisicamente. Scaricando l’applicazione gratuita (iOS o Android) è possibile lasciare messaggi localizzati col GPS – i cosiddetti ‘Balloons’ – nel luogo in cui ci si trova: scritte e foto, pubbliche o private, saranno visibili su tablet o smartphone nel raggio di 50 metri da chiunque abbia scaricato la app.

LeaveOn è stato già collaudato con buoni risultati alla Casa di Giulietta a Verona.

 

via

La Guerra dei Social continua…

La risposta di Zuckenberg a Vine? Instagram può ora registrare video.

Ma le differenze fra queste due piattaforme ci sono… e si fanno notare. Partiamo dalla durata: i 6 secondi di Vine sono stati più che raddoppiati da Instagram, che porta la durata del video a 15 secondi. Inoltre, una volta che si registra un video con Vine, non si può tornare indietro. Instagram da invece la possibilità di cancellare i frame selezionati e registrare nuovamente una parte del video. Dopodichè, entra in gioco la caratteristica che ha reso Instagram la killer app che è oggi: sono stati realizzati 13 nuovi filtri appositamente per i video. Quanto allo sharing, mentre Instagram resta un mondo chiuso (è possibile visualizzare i video solo nella App o nella versione desktop) Vine permette lo share anche su un sito web tradizionale. In merito alla Timeline c’è da dire che a differenza di Vine, Instagram non permette ancora di scegliere di visualizzare solamente i video e non le foto.

A voi la scelta….

Ma in fondo… perché scegliere?

Scaricatele entrambe!

(via)