Il designer di Apple ridisegna le cose

tumblr_moawxz4z1a1svn1xeo1_500

In seguito al lancio di iOS 7, con una grafica tutta ridisegnata rispetto alle versioni precedenti, è nato il Tumblr Jony Ive redesigns things, una sarcastica raccolta di rivisitazioni grafiche realizzate secondo lo stile del designer di Apple.

tumblr_moaogqHJm21svn1xeo1_500 tumblr_moay6wtwBU1svn1xeo1_r1_400tumblr_mo8r2xuPkU1svn1xeo1_500

(via)

Annunci

La Prima Guerra Mondiale ai tempi di Facebook

LEON

Il Musee de la Grande Guerre di Pays de Meaux ha ‘riportato in vita’ il Primo Conflitto Mondiale attraverso la campagna ‘Facebook 1914’, ipotizzando che Facebook esistesse ad inizio Novecento e raccontando tramite le sue pagine la storia del giovane Léon Vivien, partito per la guerra, e della sua famiglia che rimane a casa ad aspettarlo.  Il profilo è stato aggiornato quotidianamente per 10 mesi dall’agenzia DDB Paris raccogliendo l’attenzione dei media e di migliaia di persone, che al termine della lunga campagna di teasing sono state invitate a visitare il Museo per scoprire se Leon è poi tornato a casa da moglie e figlio.

L’iniziativa è stata un successo: la pagina ha ricevuto più di 50.000 seguaci entro le prime due settimane e 5.000 commenti, mentre il Museo ha visto il flusso di visitatori aumentare del 45%.

(via)

IESTERDEI presents: iOS7 è Dio+Godzilla vs iOS7 è Android coi coriandoli

iphone-5-android-marketIeri Apple ha presentato al mondo l’ultima versione del suo sistema operativo per iPhone, iOS 7. Qua sotto le opinioni, discordanti, delle due capocce dietro questo umile blog, sul perchè secondo noi è bellissimo e perchè invece no.

Capoccia #1:

“Apple ha svelato iOS 7, l’aggiornamento più significativo di iOS dall’introduzione del primo iPhone, e con una nuova interfaccia utente, ancor più irresistibile, desiderabile e allettante. Le sue nuove funzioni racchiudono quello che forse tutti i possessori di iPhone avevano desiderato dal proprio iPhone: dall’introduzione di Control Center, che consente di accedere ancor più rapidamente ai principali controlli, al Centro Notifiche in sincro con gli altri device e sulla home screen, dal Multitasking migliorato all’implementazione di AirDrop, dalla nuova app Fotocamera con filtri per aggiungere effetti in tempo reale agli scatti all’app Immagini riprogettata ed implementata con Moments, un nuovo modo di organizzare in automatico le foto e i video in base alla data e al luogo in cui sono stati ripresi, fino ad arrivare all’introduzione di iTunes Radio, un servizio di Internet radio gratuito basato sulla musica che gli utenti ascoltano su iTunes. Questa volta non credo che Craig Federighi, Senior Vice President Software Engineering di Apple, sarà l’unico a pensare che iOS 7 sia l’aggiornamento più significativo di iOS dall’introduzione del primo iPhone”.

Capoccia #2:

“L’aggiornamento iOS7 per iPhone ha deluso le aspettative di quanti attendevano trepidanti il keynote di ieri (tra cui la borsa, che ieri ha punito Apple). Nonostante le standing ovation degli astanti per i colori sbrilluccicosi delle nuove icone e le “innovative” nuove funzioni implementate in questa versione (come i filtri integrati nella fotocamera o il pannello di controllo per accendere/spegnere WiFi, Bluethoot ecc., tutte cose che utenti non-Apple possiedono già da un po’) sembrano lontani decenni i tempi in cui ogni presentazione di un prodotto Apple, in questi keynote formato “messa laica” (cit.), veniva avvertita come il lancio sul mercato di un nuovo modello di astronave spaziale. Il nuovo OS per smartphone Apple aggiunge poco o niente a quanto già offerto da altri sistemi operativi, Android su tutti, e strizza fortemente l’occhio, graficamente, al tanto canzonato Windows Phone. Insomma, con la dipartita di Jobs la marcia in più in innovazione, quella sensazione di raggiungimento di un grande traguardo per l’umanità che si avvertiva alla presentazione di ogni nuovo prodotto, sembra che Apple l’abbia persa o congelata in favore di un “manteniamo la posizione” strategico, in difesa di concorrenti di giorno in giorno sempre più agguerriti”.

Da FB a Hollywood

Il piccolo Grumpy Cat, la cui carriera nel web iniziò non molto tempo fa, quando la sua padrona, Tabatha Bundseen, decise di postare una foto del suo amico peloso su Reddit e, successivamente, di caricare un video su YouTube. Da quel momento tutti, almeno una volta, hanno iniziato ad aggiungere frasi irriverenti alla sua fotografia, facendolo diventare un meme. Con la fama arrivarono anche le responsabilità: sito web dedicato, apparizioni in tv e spot pubblicitari. Oggi il Wall Street Journal ha annunciato che presto Grumpy Cat avrà un suo film, quasi sicuramente una family comedy in cui dovrà recitare la parte di se stesso. Il film verrà prodotto dalla Broken Road Production”, e vedrà un Grumpy Cat parlante alle prese con una visione pessimistica, ma divertente, del mondo e della società.

 

(via)

Il film (bello) su Steve Jobs, Bill Gates e come sono andate le cose

In attesa di jOBS, film biografico sul fondatore di Apple di cui però non si sa ancora la data di uscita, un bel film da (ri)vedere è I pirati di Silicon Valley, film-tv statunitense del 1999 che racconta in forma romanzata la corsa di Steve Jobs e Bill Gates al personal computer. Pur avendo un budget contenuto, il film è ben riuscito ed è stato apprezzato sia da Gates, che da Wozniak (Jobs non si espresse, ma apprezzò molto la performance dell’attore che lo impersonificò). La cosa interessante è che la narrazione del film termina nel 1999, con Microsoft (sembra) vincitrice definitiva della battaglia contro Apple e Bill Gates, diventato l’uomo più ricco del mondo, fresco azionista di una parte dell’azienda di Jobs. Nel giro di tre-quattro anni, invece, partirà la rincorsa di Apple, arriverà l’iPod ecc. ecc.

Qua sotto, i primi cinque minuti: